Grazie al digitale l’università di Venezia risparmia tempo, denaro e ambiente

La tecnologia digitale non solo permette di ottimizzare numerosi processi, ma fa anche risparmiare.

Proprio grazie alla trasformazione in formato digitale di libretti e Tesi di laurea l’università Ca’ Foscari di Venezia, infatti, conta di rispariamiare oltre 20 milioni di euro l’anno. Il risparmio sarà sia sui costi di stampa, sia sulla riduzione dei costi organizzativi derivanti dalla gestione operativa e di archiviazione delle tesi; senza contare i minori costi anche per gli studenti che non dovranno più stampare e rilegare copie e copie di tesi spesso che spesso cadono nel dimenticatoio

A questo si aggiungono ovviamente i vantaggi ambientali, un minor lavoro burocratico per i docenti che non dovranno più firmare ogni voto sul libretto e dunque anche un notevole risparmio di tempo per gli studenti.

Secondo il rettore Carlo Carraro l’operazione “persegue il duplice obiettivo della riduzione dei costi e della sostenibilità ambientale, senza dimenticare neppure la semplificazione di molte procedure burocratiche che si accompagna al ricorso alle tecnologie digitali. Una strada che da un po’ il nostro ateneo ha scelto di intraprendere e portare avanti cercando in questo modo di migliorare costantemente i servizi a favore dei nostri studenti Libretto universitario digitale”.

Le nuove regole riguardo i libretti universitari saranno operative a partire dall’anno accademico 2012/2013, mentre per quanto riguarda la Tesi di laurea digitale, dopo una prima fase sperimentale, la procedura entrerà a regime dalla sessione autunnale 2012 .

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *