Le nuove scritture professionali: la lesson di Luisa Carrada

scritto da admin il 9 nov 2012 | 0 commenti

Ravenna Future Lessons si è concluso ormai da due settimane e una delle lesson più apprezzate e più applaudite dal nostro pubblico è stata sicuramente quella di Luisa Carrada: “Nuove scritture professionali: cosa portare con sé dall’era Gutenberg”.

In attesa di vedere online il video dell’intervento vi facciamo un brevissimo riassunto di quello che ci ha raccontato la blogger di Il Mestiere di Scrivere.

Se pensate che le nuove modalità di scrittura influenzate dalla tecnologia e dagli sms tanto prese in giro dai nostri genitori siano cosa recente vi dovrete ricredere: la prima cosa che ci ha ricordato Luisa nella sua lezione è che Non siamo nati per leggere! La sintesi, la costruzione di testi che ben si adattano alle presentazioni in PowerPoint (meglio se elenchi puntati), non nascono con internet ma con la scrittura stessa: Non siamo nati per leggere, ma per guardare sì!

Luisa Carrada ci ha accompagnato in un excursus interessantissimo, dalla scrittura dei vecchi manoscritti, a quella dei futuristi che utilizzavano le parole come immagini, sino ad arrivare ai siti internet dei nostri giorni. Cos’hanno in comune? L’uso dell’immagine e la voglia di essere il più possibile chiari, sintetici ed evocativi.

Dovunque scriviate, online o offline, ciò che importa è come utilizzate le parole. E la poesia? È li la massima concentrazione e la massima potenzialità delle parole!

Se non avete potuto essere con noi a Ravenna Future Lessons, ecco le slide dell’intervento di Luisa Carrada

Presto sarà online anche il video del suo intervento. E per saperne di più? Leggete il suo nuovo libro “Lavoro, dunque scrivo!” Non ve ne pentirete :)

Non sono ancora presenti commenti.

Commenta:

Current day month ye@r *