Davide contro Golia. Volunia, il nuovo motore di ricerca italiano si lancia nella sfida a Google

La notizia gira in rete da qualche settimana, entro la fine dell’anno Massimo Marchiori lancerà un nuovo motore di ricerca, Volunia.

Il progetto nasce dalla mente geniale del matematico padovano che a soli 25 anni, nel 1995, quando era ancora uno studente dell’università di Padova ideò l’Hyper Search, un motore di ricerca totalmente innovativo da cui è poi nato l’algoritmo che ha fatto la fortuna di Google. Ma Massimo Marchiori non è solo l’ideatore dell’algoritmo di Google o di Volunia, è l’unico italiano a far parte del board di World Wide Web Consortium (W3C), il think thank creato da Tim Berners-Lee, “l’inventore” di internet, recentemente protagonista della festa romana per i 20 anni del web.

Volunia, come illustra il suo ideatore, vuole sfidare Google ma non paragonarsi al colosso della Mountain View. “Volunia non sarà un Google migliorato ma un sistema che permette di avere una prospettiva completamente diversa da quella a cui i normali motori di ricerca ci hanno finora abituati”.

Volunia permetterà di compiere ricerche elaborate e personalizzate, inserendosi in quella nuova frontiera di internet conosciuta come “web semantico”. Questa evoluzione di internet consentirà di effettuare ricerche che si baseranno sulla presenza di parole chiave all’interno di documenti e che permetteranno di costruire relazioni e connessioni tra diversi documenti secondo logiche più elaborate rispetto al collegamento ipertestuale.  

Il nuovo motore di ricerca, interamente finanziato dall’imprenditore sardo Mariano Pireddu, avrà gli uffici a Padova e i server in Sardegna e sarà lanciato entro la fine dell’anno in tutto il mondo in 12 lingue. Pochi fortunati potranno testare la versione beta su invito una settimana prima del lancio.

I lavori a Volunia rimangono ancora segreti, ma per chi volesse partecipare e testare in anteprima la versione beta può registrarsi sul sito del progetto.

Molti anni fa il grande giurista sardo Salvatore Satta affermava che “ogni cosa ha la sua ora”, oggi probabilmente è il momento giusto per realizzare un’idea bella e affascinante come quella di Volunia.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *